X
<
>

Condividi:
1 minuto per la lettura

NAPOLI – E’ stato confermato il provvedimento della sospensione per Francesco Pignatelli, primario del reparto di Chirurgia vascolare dell’Ospedale del Mare, nell’occhio del ciclone per aver chiuso il reparto per consentire a tutti di partecipare alla sua festa. A confermare all’ANSA il provvedimento è Mario Forlenza, direttore generale della Asl Napoli 1 centro.
«Una sospensione sine die – dice – dovranno essere prima portati a termine tutti gli accertamenti del caso». E sarà avviato anche un procedimento disciplinare, in merito a eventuali ipotesi di contestazioni sulla base del contratto. Forlenza ha avuto un lungo incontro con Pignatelli. «Mi ha confermato di aver trasferito, la sera del 6 luglio, 4 pazienti dal suo reparto a quello di Chirurgia – racconta – e di averlo fatto senza chiedere l’autorizzazione alla Direzione sanitaria.
Lui stesso ha riconosciuto che l’errore è stato non chiedere». Al posto di Pignatelli, Forlenza ha affidato l’incarico a Massimo Tatafiore, che si occuperà di dirigere l’unità operativa. «Pignatelli ha riferito che nessuno ha subìto danni – sottolinea – ma ci sono quelli di immagine che abbiamo subito a fronte di un lavoro faticoso e durissimo che stiamo facendo per far funzionare al meglio l’Ospedale del Mare». I Nas che stamattina si sono recati nell’Ospedale del Mare “hanno chiesto di poter aver anche tutto il materiale che sarà raccolto dal servizio ispettivo per l’indagine interna che è stata già avviata». Nessun provvedimento, al momento, per il resto dell’equipe del reparto. «Qualora saranno accertate anche le loro responsabilità – assicura Forlenza – saranno presi provvedimenti anche per loro»

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

EDICOLA DIGITALE