X
<
>

I compagni di Eriksen fanno scudo mentre i sanitari prestano i soccorsi al giocatore

Tempo di lettura 2 Minuti

Quella barriera di maglie rosse a proteggere la lotta disperata per la vita di un giovane calciatore e dei suoi soccorritori, non può essere solo un’immagine simbolo di un dramma umano e calcistico.

È un atto di accusa, un messaggio forte, la richiesta di una dimensione personale, intima, al riparo da occhi elettronici che ci scrutano senza conoscerci. Più che persone, siamo figuranti, comparse di frammenti di esistenze fissate sui video, senza rendercene conto.

La parola privacy non è mai stata cosi tanto usata e inflazionata come in questo momento storico, e mai come oggi abbiamo così poca riservatezza. Dalle piccole alle grandi cose esiste sempre qualcuno che sa, conosce un pezzo di noi, dove andiamo, cosa compriamo, cosa leggiamo e vediamo.

Non riusciamo più a essere irrintracciabili, indefiniti, impalpabili. La barriera dei calciatori danesi dimostra che il grande occhio non si chiude e si distrae neanche davanti ai rantoli che sanno di morte. Kjaer e i suoi compagni hanno subito capito che non ci sarebbe stato nessuno scrupolo in grado di impedire il giro del mondo del dramma di Eriksen.

Le immagini sarebbero diventate il tam tam dei guardoni da display, al punto che avrebbero potuto cannibalizzare e prendere il sopravvento sulla tragedia. Questo siamo diventati. Un‘umanità che non sa immaginare neanche un dramma come un attacco cardiaco; deve vederlo, consumarlo, scrutarlo nei particolari. Vedere, vedere, vedere, altrimenti si fa fatica a capire, a farsi un’idea.

Quella barriera di maglie rosse è un monito. Per chi guarda e chi riprende. Siamo passati dalle palafitte ai microchip con secoli e secoli di conoscenze tramandate senza immagini, video. Il mondo non si ferma, il progresso e le tecnologie hanno migliorato le nostre esistenze.

Ma lasciamoci per ciascuno di noi momenti solo nostri, con tutti i limiti, le paure, le fragilità. Qualcosa che appartenga solo a noi, senza che un altro qualsiasi ci butti un occhio e sappia.


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA