X
<
>

Mario Draghi

Condividi:

I fatti ci dicono che dopo tre trimestri, dati ISTAT, la crescita acquisita dell’Italia nel 2021 è del 6,1%. Questa legge di bilancio ha il contenuto della crescita incorporato e lo declina in una prospettiva di lungo termine e di riequilibrio territoriale tra Nord e Sud con provvedimenti vincolanti. Perché questa legge di bilancio decide di dare vita a un fondo pluriennale di investimenti pubblici da 540 miliardi che dura fino al 2036, ma soprattutto ce ne mette 89 di aggiuntivi ora, non domani. Mette altri 23,3 miliardi del fondo di sviluppo e di coesione che viene accelerato con 3 miliardi annui fino al 2028 e 2,5 miliardi per il 2029. Questo vuol dire mettere in sicurezza un Paese che deve continuare a crescere a ritmi molto elevati anche dopo il Pnrr se vuole trovare una via di uscita dal maxi debito pubblico. Il sindacato deve stare molto attento ad andare contro il vento nuovo che spira ormai forte nel Paese e che capisce che le difese corporative non hanno più senso. Lo testimoniano gli elogi di Biden a Draghi per avere prodotto un nuovo modello economico e avere dimostrato che le democrazie funzionano

Quota 102 per le pensioni solo per il 2022 è un provvedimento che chiude con il passato del mondo antico italiano dei privilegi a chi sta meglio e della crescita negata ai giovani. È lo spartiacque finale prima del passaggio al contributivo pieno. È un provvedimento, quota 102, che è pari a meno di un trentesimo della manovra espansiva da 30 miliardi del governo di unità nazionale guidato da Mario Draghi, ma occupa quasi il 100% del dibattito della pubblica opinione sulla legge di bilancio.

Gli altri ventinove trentesimi raccontano la coerenza espansiva della manovra che salva il Paese e getta le basi di lungo termine del nuovo miracolo economico italiano, ma sono banditi dal dibattito della pubblica opinione che ha la caratteristica patologica di ignorare tutto ciò che costruisce il futuro. Sono i colpi di coda di un regime mediatico-politico che si nutre di rumore, insegue e spaccia la fuffa. Fugge come un coniglio impaurito di fronte alla verità rocciosa dei fatti e alla sua complessità.

I fatti ci dicono che dopo tre trimestri, dati ISTAT resi noti ieri, la crescita acquisita dell’Italia nel 2021 è del 6,1%. Gli indicatori anticipatori del quarto trimestre ci dicono che sarà come sempre un po’ più contratto e che sconterà i colli di bottiglia dell’offerta delle materie prime, ma sarà ugualmente in crescita. Premesso che l’onda lunga a nostro avviso è forte e non si fermerà perché la risposta italiana alla campagna di vaccinazione è più resiliente di ogni opposizione ideologica più o meno organizzata, possiamo sin da ora dire che una crescita del 7% e probabilmente oltre è assolutamente alla portata dell’Italia. Quindi l’anno del governo di unità nazionale coincide con una crescita che verrà raccontata nei libri di storia tra le annate d’oro del secondo miracolo economico che competono e superano molte di quelle del primo miracolo economico.

La cosa più importante, per quanto vi potrà sembrare paradossale, non è questo risultato da libri di storia. La cosa più importante è che come sempre Draghi è stato di parola. Ha detto: le misure che servono per la crescita entreranno in questa legge di bilancio e quelle che non servono non entreranno. È stato così, ma con qualcosa in più. Questa legge di bilancio ha il contenuto della crescita incorporato e lo declina in una prospettiva di lungo termine e di riequilibrio territoriale tra Nord e Sud non come declamazione ma con provvedimenti vincolanti. Perché questa legge di bilancio, non altre, decide di dare vita a un fondo pluriennale di investimenti pubblici da 540 miliardi che dura fino al 2036, ma soprattutto ce ne mette 89 di aggiuntivi ora, non domani.

Questo vuol dire mettere in sicurezza un Paese che deve continuare a crescere a ritmi molto elevati anche dopo il Piano nazionale di ripresa e di resilienza (Pnrr) se vuole trovare una via di uscita concreta dal vincolo del suo maxi debito pubblico.

Questa legge di bilancio stabilisce che i bonus edilizi del 50 e del 65% dureranno tre anni e non uno e permette, dunque, di stabilizzare in un arco di tempo triennale la misura espansiva. Questa legge di bilancio, soprattutto, si muove in coerenza assoluta con l’ultimo decreto attuativo del Recovery Plan che blinda con pragmatismo normativo e assistenza tecnica a 360 gradi le capacità progettuali e esecutive del Mezzogiorno oggi insufficienti. Ci mette, peraltro, altri 23,3 miliardi del Fondo di sviluppo e di coesione che viene accelerato con 3 miliardi annui fino al 2028 e 2,5 miliardi per il 2029. Come dire: questa è la direzione nella quale dobbiamo andare.

Così come chiudere, da un lato, la stagione degli onerosissimi regali a chi vuole andare in pensione con i soldi del retributivo, cioè, di tutti noi a un’età incompatibile con l’allungamento dei tempi di vita e con la sostenibilità di lungo termine del nostro debito pubblico e scommettere, dall’alto, come non avveniva da decenni sull’abbattimento di dodici miliardi della pressione fiscale significa fare una manovra espansiva che guarda all’oggi, al domani e al dopodomani. Soprattutto, la coerenza espansiva effettiva di questa legge di bilancio con i programmi di intervento di lungo termine di investimenti pubblici europei e italiani ci dice che trasformare il rimbalzone in una crescita strutturale che unisca il Paese e duri a lungo oggi è possibile. Il sindacato deve stare molto attento ad andare contro il vento nuovo che spira ormai forte nel Paese e che capisce che le difese corporative non hanno più senso.

Gli elogi di Biden a Draghi per avere prodotto un nuovo modello economico e avere dimostrato che le democrazie funzionano non appartengono alla ordinaria amministrazione. La fatica silenziosa di costruire in questo G20 presieduto da Draghi la base di qualcosa che sia consacrata poi a Glasgow nel Cop26 copresieduto da Draghi in tema di lotta al cambiamento climatico, di strumenti e di risorse finanziare, non appartiene anche questa alla ordinaria amministrazione. Sono terreni difficili dove è facile scivolare perché la durezza degli interessi in gioco è un dato di fatto. Non cogliere, tuttavia, il rispetto e la considerazione che il capo del governo italiano riscuote sulla ribalta internazionale è impossibile. Anche perché a questi due elementi si deve il fatto che oggi l’accoglienza dell’Italia nel mondo è cambiata. Siamo diventati tutti più credibili. Non è poco.


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA