X
<
>

Il riepilogo nazionale dell'infezione

Condividi:

Il totale delle persone che hanno contratto il virus in Italia è salito a 235.561, con un incremento rispetto a ieri di 283 nuovi casi con il numero maggiore di contagi che, ancora una volta, riguarda la Lombardia con ben 192 nuove persone positive.

Il numero totale di attualmente positivi è di 32.872, di cui ben 18.297 in Lombardia, con una diminuzione, malgrado i nuovi casi registrati, di 1.858 persone rispetto a ieri.

Questo il contenuto del bollettino della Protezione civile diffuso oggi mercoledì 9 giugno.

Tra gli attualmente positivi, 263 sono in cura presso le terapie intensive, con una diminuzione di 20 pazienti rispetto a ieri, mentre 4.581 persone sono ricoverate con sintomi, con una riduzione di 148 pazienti rispetto a ieri. Sono 28.028, pari all’85% degli attualmente positivi, le persone in isolamento senza sintomi o con sintomi lievi. Rispetto a ieri i deceduti sono 79 e portano il totale a 34.043.

La Protezione civile precisa che nel totale odierno sono conteggiati 32 decessi, riferiti a giorni precedenti e non alle ultime 24 ore, comunicati solo oggi dalla Regione Abruzzo. Il numero complessivo dei dimessi e guariti sale invece a 168.646, con un incremento di 2.062 persone rispetto a ieri.

Nel dettaglio, i casi attualmente positivi sono 18.297 in Lombardia, 3.671 in Piemonte, 2.156 in Emilia-Romagna, 1.004 in Veneto, 628 in Toscana, 249 in Liguria, 2.570 nel Lazio, 992 nelle Marche, 675 in Campania, 613 in Puglia, 81 nella Provincia autonoma di Trento, 853 in Sicilia, 128 in Friuli Venezia Giulia, 567 in Abruzzo, 95 nella Provincia autonoma di Bolzano, 29 in Umbria, 54 in Sardegna, 8 in Valle d’Aosta, 68 in Calabria, 120 in Molise e 14 in Basilicata.


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA