X
<
>

Una parte del cast della fiction "Un posto al sole"

Condividi:

ROMA – Il governo Draghi, oltre a dover far fronte alla pandemia da Coronavirus e alla crisi economica dovuta al lockdown, adesso dovrà occuparsi anche della fiction tv “Un posto al Sole”.

Il deputato grillino Luigi Iovino, infatti, – si legge su Repubblica – ha presentato un’interrogazione affinché il premier eviti che la serie di Rai3 slitti di orario.

“La decisione di spostare l’orario di messa in onda delle 20.45, per fare spazio all’ennesimo talk politico, rischia di provocare un calo di ascolti. Invece – prosegue Iovino – si tratta di una delle produzioni di maggiore successo realizzata dalla storica sede Rai di Napoli, oltre che la più longeva della nostra tv di Stato”.

Il grillino insiste: “Un’eventuale crisi della fiction rischierebbe di assestare un colpo fatale agli studi Rai di Napoli, senza dimenticare quanto, in termini di immagine, Un posto al sole impatti da anni positivamente sull’indotto locale, rilanciando il “prodotto Napoli” in termini di attrattività turistica”.


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA