X
<
>

Condividi:
2 minuti per la lettura

Il big match Milan-Napoli ha lasciato una coda lunga di polemiche e battibecchi. Tra gli argomenti più discussi anche sul web c’è il gol annullato a Kessie. L’episodio chiave è stato contestato sia da Pioli che dai tifosi del Milan, che sui social si sono scatenati.

Ma in un caso la discussione ha ecceduto, scatenando una vera e propria bufera sul web. “Altro che la mano de dios – si legge in un post pubblicato su Twitter – questa è la mano della camorra. #MilanNapoli #Massa #schifo”. Il tweet incriminato, che ora risulta cancellato, porta la firma di Alessandro Albanese, vicesindaco del Comune di Cerano in provincia di Novara.

Il tweet è stato sommerso dalle polemiche, tanto da costringere il suo autore a cancellarlo e scriverne un altro. “Probabilmente esagerato parlare di camorra – ha aggiunto in un altro post – ma quanto accaduto in Milan-Napoli qualche dubbio lo fa venire, quantomeno dal punto di vista sportivo. Avrei voluto vedere cosa sarebbe successo se fosse avvenuto a parti invertite…”. Anche in questo i social non hanno accolto bene il post, così Albanese ha dovuto chiedere scusa. “Mi scuso se qualcuno si è sentito offeso per un certo termine utilizzato dopo “a caldo” dopo Milan-Napoli, il tweet è stato da rimosso”.

“Il tweet è stato scritto a caldo, da tifoso incavolato per come era finita la partita – ha aggiunto Alessandro Albanese ai microfoni di Radio Punto Nuovo – Mi sono reso conto di aver utilizzato una terminologia non appropriata. Ragionandoci su ho rimosso il post facendo le mie scuse. Se qualcuno si è sentito offeso interpretando questa come un’offesa a Napoli, alla Campania, mi dispiace perché non era mia intenzione, l’intento era fare una battuta. Con il mio sindaco ho parlato e ha capito la situazione dicendomi di aver fatto uno scivolone. Lui è tifoso della Juventus. La gente per strada non mi ha detto nulla. Ho fatto due chiacchiere con il maresciallo della stazione, che è napoletano e mi ha preso in giro per il risultato”. 



La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

EDICOLA DIGITALE