X

Tempo di lettura < 1 minuto

In due negozi di Tito e Sant’Arcangelo gestiti da cinesi che sono stati multati: sanzioni amministrative fino a oltre 25mila euro

POTENZA – Oltre 43mila articoli non sicuri – bigiotteria, accessori per l’abbigliamento e cosmetici – sono stati sequestrati dalla Guardia di Finanza in due negozi di Tito e Sant’Arcangelo (Potenza) gestiti da persone di nazionalità cinese.

Gli articoli, «potenzialmente pericolosi per la salute del consumatore», erano fabbricati in Cina e sprovvisti di indicazioni in italiano e anche privi di informazioni sulla composizione e sulle precauzioni da usare nel loro uso.

Il valore della merce sequestrata è pari a circa seimila euro: i titolari dei due negozi dovranno pagare sanzioni amministrative fino a oltre 25mila euro. Appena ieri – stavolta nel Materano – le fiamme gialle avevano sequestrato dei capi contraffatti.

Le violazioni accertate dai militari delle fiamme gialle sono state segnalate alla Camera di Commercio che dovrà irrogare le sanzioni pecuniarie e distruggere i prodotti sequestrati.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares