Tempo di lettura 6 Minuti

CATANZARO – Dopo la scelta di decidere sulla piattaforma Rousseau se partecipare alle prossime elezioni regionali in Calabria (LEGGI), il Movimento 5 Stelle si divide e apre una profonda crisi interna.

AIELLO ROMPE IL SILENZIO: PRONTO A CANDIDARSI CON I 5 STELLE

E’ Paolo Parentela, il deputato designato per il coordinamento della campagna elettorale, a rompere gli indugi e dimettersi dal ruolo che gli era stato affidato dopo il vertice con Luigi Di Maio: «Con il voto di oggi su Rousseau, i vertici del Movimento 5 Stelle – accusa Parentela – scelgono di non scegliere, deludono le migliaia di attivisti calabresi che con sacrifici e rischi hanno sempre lavorato sul territorio, ignorano il percorso che abbiamo già avviato e scaricano su tutti gli iscritti la responsabilità di una scelta inquadrata in termini profondamente sbagliati».

«Gli stessi vertici – ha aggiunto in una lunga nota – hanno messo in gioco, cioè, il futuro del Movimento piuttosto che quello dei cittadini della Calabria e dell’Emilia Romagna, ai quali essi dovranno spiegare il perché della rinuncia a presentarci alle rispettive Regionali, nel caso in cui dovesse prevalere questo orientamento, legittimato da una consultazione democratica incomprensibilmente estesa a tanti che, vivendo altrove, non hanno le informazioni e gli strumenti valutativi per pronunciarsi con piena coscienza. Per coerenza – ha spiegato – annuncio le dimissioni immediate dall’incarico di coordinatore del Movimento 5 Stelle per la campagna elettorale relativa alle Regionali della Calabria».

«Non c’è alcun nesso tra l’annunciata riorganizzazione del Movimento 5 Stelle, l’ennesima da circa un anno, e la scelta di chiedere agli iscritti di ogni parte d’Italia se partecipare o meno alle imminenti Regionali della Calabria e dell’Emilia Romagna», scrive il deputato M5S, che aggiunge: «A chiunque è chiaro, infatti, che si tratta di questioni diverse: una è ristrutturare il Movimento, ampliare la partecipazione, immaginare e costruire insieme il futuro del Paese; altra è dare il nostro contributo concreto per i prossimi 5 anni in Calabria e in Emilia Romagna, così evitando la pericolosa deriva verso l’estrema destra indotta da un accecato Matteo Salvini, artefice della caduta del primo governo Conte, decisa e prodotta sotto Ferragosto per pura brama elettorale».

«Anche il semplice buon – sottolinea Parentela – senso indica che il Movimento si rinnoverebbe se ottenesse propri rappresentanti nei due Consigli regionali che usciranno dalle riferite consultazioni, previste il 26 gennaio 2020, cioè tra poco. Perciò – rimarca Parentela – non capiamo né condividiamo la decisione di indire questo voto su Rousseau, peraltro giustificato con una forzata e vaga responsabilizzazione degli eletti 5 Stelle, che non regge né tiene conto delle emergenze ed esigenze specifiche del territorio calabrese e di quello emiliano-romagnolo».

«Finora – ricorda ancora il deputato – come parlamentari del Movimento 5 Stelle espressi dalla Calabria abbiamo lavorato per elaborare un programma, un progetto solido da proporre agli elettori della nostra regione, dalla quale emigrano giovani e intere famiglie per causa dell’affarismo di Palazzo, degli appetiti e ricatti della vecchia politica, della ‘ndrangheta e di altri potentati ben noti, non soltanto burocratici. Come coordinatore ho profuso ogni sforzo possibile, creando unità, serenità e condivisione tra i colleghi e coinvolgendo i nostri attivisti e la società civile operosa e pulita della Calabria».

«La sanità calabrese – incalza Parentela – è a terra: gli ospedali sono pieni di pazienti ammassati, mancano posti letto, personale medico e paramedico, il disavanzo è cresciuto e illegalità e favoritismi aumentano a dismisura come i viaggi della speranza per cure fuori regione. Da 7 anni denunciamo alle Procure e alla Corte dei conti questo stato delle cose: facciamo i nomi, raccontiamo le storture, alleghiamo le prove. Non solo: abbiamo agito da tempo per la ripartizione del Fondo sanitario sulla base dei fabbisogni delle singole regioni e non con l’attuale criterio, che toglie circa 130 milioni all’anno al diritto alla salute dei calabresi. Siamo stati riferimento vero per tantissimi concittadini, che abbiamo sempre ascoltato e per i quali ci siamo impegnati senza sosta: dal Pollino allo Stretto».

«Lo hanno dimostrato – prosegue Parentela – al di là di ogni ragionevole dubbio, le elezioni politiche del 2018: dalla Calabria è arrivato un consenso enorme rispetto alla nostra proposta di cambiamento, che negli anni precedenti avevamo rivolto al territorio con iniziative limpide e coraggiose; dal disegno di legge popolare per ridurre le aziende del Servizio sanitario alle manifestazioni di piazza, su tutte quella per additare la ‘cupolà di ‘ndrangheta a Reggio Calabria, contro cui si espose in prima persona il nostro capo politico, Luigi Di Maio».

«Inoltre – aggiunge il deputato – siamo intervenuti con atti, fatti e toni potenti; per esempio sul mercato del lavoro condizionato dallo sfruttamento del bisogno diffuso, sul caso dell’imprenditore Antonino De Masi, simbolo della resistenza all’usura bancaria, sulla tutela dell’ambiente, sugli incassi dell’Enel a proposito della centrale del Mercure all’interno del Parco nazionale del Pollino, sul traffico di biomasse da parte delle cosche, sugli scandalosi abusi negli uffici pubblici, sugli sprechi a cielo aperto e sull’inadeguatezza assoluta delle politiche sociali della Regione Calabria, così come sulla spesa dei fondi comunitari, sulla gestione dissennata del ciclo dei rifiuti, sulle carenze croniche del sistema dei trasporti e anzitutto – conclude Parentela – sulla continua sovversione delle regole ad opera di personaggi finiti nel mirino del procuratore Nicola Gratteri».

Molto dura anche la reazione del deputato calabrese Francesco Sapia davanti al post del Blog 5 Stelle: «Trovo questo post assurdo. Non si può far decidere sulla piattaforma Rousseau se il M5S in Calabria debba partecipare o meno alle prossime competizioni regionali. Ho sputato sangue per il Movimento adesso mi sento tradito. Non mi nascondo dietro nessuna logica di partito».

Anche Francesco Forciniti boccia la soluzione nazionale: «Questo è il cervellotico quesito che sarà in votazione di Rousseau a partire dalle 12. Bisognerà votare No per dire Sì alla presenza del Movimento alle prossime elezioni regionali! Tra l’altro è assurdo che già adesso venga proposta una pausa fino a marzo, giusto in tempo per poter partecipare alle elezioni regionali in Campania, alle quali evidentemente il Movimento tiene di più. Come si fa a sapere già da ora che a marzo magicamente saremo di nuovo pronti? Mistero! Non permettiamo che il Movimento abbandoni la Calabria… Votiamo tutti No!».

La senatrice Bianca Laura Granato, anche lei calabrese, rispolvera il vecchio logo del comitato per il No al referendum costituzionale del 2016: «Vota No per dire Sì alla lista 5 Stelle in Calabria ed Emilia Romagna».

La deputata Dalila Nesci, che ha proposto più volte la sua candidatura, ha aggiunto: «Per me il post del Blog delle Stelle è solo un’amara conferma! Rimango a disposizione della Calabria, della sua speranza e voglia di cambiamento. Non arretro».

  •  
  • 2
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •