L'area individuata dai carabinieri forestali

Tempo di lettura < 1 minuto

PALUDI (COSENZA) – Hanno estirpato cinque ettari di macchia mediterranea, in assenza di autorizzazione paesaggistica, per trasformare l’area in terreno agricolo. Due persone sono state denunciate a Paludi dai Carabinieri Forestale che hanno, contestualmente, posto sotto sequestro l’area situata in località Cantorato-Otturi ricadente, in parte, in una proprietà demaniale.

I militari hanno accertato che grande parte della “macchia mediterranea”, di origine naturale, costituita da lentisco, perastri, ginestra odorosa ed altre specie minori, e di parte di un’area demaniale del torrente Otturi, era stata estirpata con l’ausilio di un mezzo meccanico.

Le due persone denunciate sono il committente e l’esecutore materiale dei lavori che dovranno rispondere di distruzione e deturpamento di bellezze naturali, modifica dello stato dei luoghi ed invasione di terreni demaniali.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •