X
<
>

Condividi:
1 minuto per la lettura

ROMA -Una ragazza 25enne di Tortora ha salvato una sconosciuta registrando una telefonata dai toni molto violenti. La vicenda risale al pomeriggio del 25 novembre, ed è accaduta a Roma, proprio durante la giornata contro la violenza sulle donne.

Anita Sperone, studentessa calabrese a Roma, stava viaggiando su un bus urbano quando ha sentito un uomo urlare al telefono “ti butto l’acido a te e alla bambina, ti vengo a cercare”. Come riporta il Corriere della Sera, in un mezzo strapieno nessuno fa nulla. Allora Anita inizia a registrare la telefonata con il suo cellulare. Non appena l’uomo scende Anita chiama il 112.

La sua registrazione fa scattare le indagini e grazie alle informazioni raccolte e alle immagini delle telecamere sul bus, gli investigatori riescono a risalire all’uomo.

Si tratta di un 32enne senza fissa dimora, già noto alle forze dell’ordine per liti e aggressioni nei confronti dell’ex compagna, una donna di 30 anni. Era già finito in carcere per reati minori ma era uscito per sovraffollamento. L’uomo, dopo che la compagna ha confermato alle forse dell’ordine di essere stata vittima di altre minacce e aggressioni, è stato arrestato.

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

EDICOLA DIGITALE