X
<
>

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte tocca il feretro di Jole Santelli alla fine della cerimonia religiosa

Tempo di lettura 5 Minuti

COSENZA – È il giorno dell’addio a Jole Santelli, non si tratta dell’ultimo saluto perché domani, dalle 9 alle 13, alla Cittadella regionale sarà allestita la camera ardente per l’ultimo saluto alla presidente (LEGGI), ma è il congedo dalla sua città.

LO SPECIALE SULLA MORTE DI JOLE SANTELLI

ORE 20.00

Il feretro del presidente della Regione Calabria, Jole Santelli, è arrivato in Cittadella regionale a Catanzaro. Ad accoglierlo, nella piazza San Francesco di Paola, il picchetto d’onore dei commessi del Consiglio regionale della Calabria. Presenti anche gli assessori e i consiglieri regionali e tanti cittadini, arrivati per dare un ultimo saluto al presidente Santelli. Dopo il lungo applauso dei presenti, il feretro è stato trasferito al 12esimo piano del palazzo della Regione, dove verrà osservata una veglia notturna prima dell’apertura della camera ardente, prevista per sabato 17 ottobre, alle ore 9.

ORE 18,58

Sulla pagina Facebook del presidente del Consiglio Giuseppe Conte appare la foto in cui il premier tocca il feretro di Jole Santelli a fine cerimonia. E’ l’ultimo saluto a “una donna schietta, autentica, innamorata della sua terra – si legge nello stesso post – appena venne eletta Presidente della Regione mi dichiarò subito la volontà di voler collaborare con il Governo, con massima lealtà, nell’interesse dei suoi conterranei. E così ha fatto. Con impegno, grande sensibilità e forza d’animo”

ORE 17.29

La cerimonia è finita. Un lungo applauso ha salutato il feretro di Jole Santelli all’uscita dalla chiesa di San Nicola. Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, che ha preferito non parlare coi giornalisti presenti neanche a fine cerimonia, si è intrattenuto per pochi minuti con le sorelle di Jole Santelli, Paola e Roberta.

ORE 17,20

“Jole ha fatto un miracolo, ha radunato qui tanti rappresentanti istituzionali. Grazie, e che sia un incoraggiamento affinché la vostra presenza sia di speranza e di sostegno, che ci sia speranza, conforto, vicinanza. Ne abbiamo bisogno”. Sono le parole espresse da monsignor Francesco Nolé, rivolgendosi al presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, alla presidente del Senato Maria Elisabetta Casellati, alla ministra dell’interno Luciana Lamorgese e al vice presidente della Camera Ettore Rosato, presenti ai funerali di Jole Santelli.

“Mancano gli educatori alla legalità – ha spiegato l’arcivescovo di Cosenza-Bisignano – e forse anche noi dobbiamo fare mea culpa. Dobbiamo impegnarci tutti affinché questo stato di diritto possa far esprimere le tante belle potenzialità della Calabria. Dobbiamo farlo per dare speranza al futuro. E questo il miglior modo di onorare Jole”.

ORE 16.30

Iniziati i funerali. Tanti i cittadini sulla piazza antistante la chiesa di San Nicola.

ORE 16.20

Sono arrivati alla chiesa di San Nicola a Cosenza il presidente del Consiglio Giuseppe Conte insieme al ministro dell’Interno Luciana Lamorgese e al presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati. Conte, arrivato direttamente da Bruxelles, non ha voluto rilasciare dichiarazioni. “Se n’è andata una grande donna – ha commentato la presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati – l’avevo sentita di recente. Le chiesi se avesse paura del Covid e mi rispose di no”. “Grandissimo dolore per aver perso una donna eccezionale – ha affermato il ministero dell’Interno Luciana Lamorgese – una amica oltre che una donna delle istituzioni. Ha lavorato per questa terra con tutta la passione e la determinazione che le era propria”. “Una persona coraggiosa, anche se delicata – ha dichiarato il vescovo Francesco Nolè – rispettosa degli altri ma anche forte. Ha saputo dare alla Calabria una speranza che speriamo possa continuare”.

ORE 12.30

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte è partito poco fa dall’Europa Building, sede del Consiglio Europeo a Bruxelles, per recarsi ai funerali della presidente della Regione Calabria Jole Santelli. Per ragioni di tempo, il presidente del Consiglio non ha potuto tenere la consueta conferenza stampa on line al termine del summit.

ORE 10.35

Il feretro del presidente della Regione Calabria, Jole Santelli, è entrato nella chiesa di San Nicola a Cosenza tra gli applausi della gente che si è riunita spontaneamente nella piazza antistante. Ad accogliere il feretro, davanti all’ingresso della chiesa, il sindaco della città, Mario Occhiuto, e don Piermaria Del Vecchio, che ha rivolto una benedizione. E davanti all’altare l’eparca di Lungro, mons. Donato Oliverio, ha rivolto una preghiera al presidente.

Presenti, oltre ai familiari del presidente Santelli, tutta la Giunta regionale al completo. Alle 16.30, l’arcivescovo di Cosenza-Bisignano, mons. Francesco Nolè, celebrerà i funerali a cui prenderanno parte anche il presidente del Consiglio dei ministri, Giuseppe Conte, e il ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese.

In contemporanea con l’arrivo del feretro del presidente della Regione Calabria, Jole Santelli, dalla sua casa di Cosenza alla chiesa di San Nicola, i dipendenti della Cittadella regionale di Catanzaro hanno osservato un minuto di silenzio. Al suono delle sirene antincendio, il personale è uscito nei corridoi in segno di omaggio alla governatrice scomparsa ieri.

Un gesto condiviso in memoria del presidente che, nel giorno stesso del suo insediamento, aveva voluto visitare personalmente tutti i dipartimenti e portare il suo saluto ai dipendenti. Il minuto di silenzio si è chiuso con l’applauso del personale della Regione.

Dopo il rito funebre a Cosenza, il feretro del presidente Santelli sarà trasferito al 12esimo piano della Cittadella. Sabato mattina, a partire dalle ore 9, sarà aperta la camera ardente – allestita nella Piazza di San Francesco di Paola – per l’ultimo saluto alla prima presidente donna della Calabria.

ORE 10.00

È stata aperta, nella chiesa di San Nicola a Cosenza, dove alle 16.30 saranno celebrati i funerali, la camera ardente della presidente della Regione Calabria.

Lunghi applausi hanno accompagnato il feretro all’uscita dell’abitazione della governatrice ed all’arrivo in chiesa. All’arrivo in chiesta, situata a pochi passi dal Comune, la bara è stata portata a spalle dagli assessori regionali.

Ad attendere il feretro il sindaco di Cosenza Mario Occhiuto, legato a Jole Santelli da una grande amicizia. Presenti, al momento, anche numerosi consiglieri regionali e l’ex presidente della Regione Lazio Renata Polverini.

Tra le corone già presenti in chiesa quelle del Senato e della Camera. All’esterno della chiesa si è subito formata una coda di semplici cittadini che vogliono dare l’ultimo saluto a Jole Santelli.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares