X
<
>

Tempo di lettura < 1 minuto

VIBO VALENTIA – Quel che si temeva si è purtroppo verificato. Sono entrambe positive le due figlie dell’uomo di Vibo Marina risultato colpito da infezione da Covid-19 (LEGGI).

L’esito del tampone è stato comunicato questo pomeriggio dal Dipartimento di Prevenzione dell’Azienda Sanitaria.

Un responso particolarmente atteso (e temuto) e che apre nuovi e preoccupanti scenari visto che adesso si procederà ad effettuare i tamponi anche ai compagni delle due alunne che frequentano due diversi istituti: la scuola “Murmura” a Vibo Valentia e l’istituto “Vespucci” di Vibo Marina; classi che già ieri sono state sospese in via precauzionale (LEGGI) in attesa degli accertamenti sanitari specifici sulle bambine.

Un esito che le dirigenti delle due scuole, rispettivamente Tiziana Furlano e Maria Salvia, in un certo qual modo erano pronte a ricevere e quindi non sono rimaste spiazzate più di tanto. Più che altro, ciò che non si aspettavano è che i casi si verificassero così a ridosso dalla ripresa delle lezioni avvenuta appena pochi giorni fa. Ad ogni modo, entrambe hanno manifestato relativa serenità perché, spiegano, all’interno dei rispettivi istituti tutte le norme di sicurezza vengono osservate in modo scrupoloso, tanto dagli studenti quanto dal personale docente. Il problema sorge, semmai, al di fuori dei cancelli dove nessuno impedisce ai bambini di entrare in contatto tra loro. Questo è, verosimilmente, l’incognita maggiore.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares