X
<
>

I promotori dell'iniziativa

Tempo di lettura 2 Minuti

BARI – A, B, C… SUD. Quali sono le parole per dirlo? Anche nella fase della ripresa post-Covid – in cui tutti confidiamo – il Mezzogiorno d’Italia resta “invisibile” o inesprimibile, non acquisisce nel dibattito pubblico il rilievo che gli spetta e meriterebbe.

Eppure, il Sud era e resta la grande occasione, finora incompiuta, di un’Italia altrimenti “stanca” e ferma da troppo tempo, ben prima della pandemia.

L’associazione culturale “Donne in Corriera” prova a individuare talune tracce del presente nella tradizione letteraria meridionale, perché tra cultura e società v’è sempre una relazione fervida e feconda.

Quattro parole chiave saranno al centro di altrettanti incontri, ispirati ciascuno a un autore pugliese del ‘900, per cominciare a ridefinire un possibile “Alfabeto del Sud”. È la formula originale, il concept ideato e curato dal giornalista e saggista Oscar Iarussi, direttore artistico dell'”Alfabeto del Sud”.

La rassegna, che comincia il 29 giugno prevede i dialoghi tra Edoardo Winspeare e Silvio Perrella, Nadia Terranova e Giuseppe Lupo, Patrizia Luogo e Onofrio Romano, Gloria Giorgianni e Oscar Iarussi, nella meravigliosa terrazza della Biblioteca De Gemmis della Città Metropolitana.

A ogni autore è stata “abbinata” una parola per un Sud che riprenda a raccontare sé stesso con autenticità e sguardo critico. Abbandono, Incanto, Coraggio, Futuro: ecco il principio dell'”Alfabeto del Sud” che è stato e che verrà.

Gli incontri si terranno tra fine giugno (il 29 e il 30) e luglio (il 20 e il 22) a Bari nella terrazza della Biblioteca De Gemmis della Città Metropolitana, nel cuore di Bari vecchia. «I discorsi sul Sud “annoiano” – dice Iarussi – a meno che non riguardino le vacanze, come se le nostre regioni fossero una riserva dell’immaginario cui attingere contro gli affanni del presente. Beh, non è così e non va bene. In autori come Bodini, Marniti, Di Lascia, Fiore, e nelle loro parole vi sono le premesse e le promesse di un Sud vivido, il cui ruolo sarà cruciale per tutto il Paese».


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. 
Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. 
Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA