X
<
>

Roberto Porcaro

Condividi:
2 minuti per la lettura

I giudici della Corte d’Appello di Catanzaro hanno ritenuto Roberto Porcaro un “delinquente abituale” e un “soggetto pericoloso” disponendo così per lui 4 anni di sorveglianza speciale

COSENZA – Roberto Porcaro è un sorvegliato speciale. I giudici della Terza Sezione penale della Corte d’Appello di Catanzaro (presidente Antonio Battaglia, Abigail Mellace consigliere, Carlo Fontanazza consigliere relatore) che gli hanno notificato il provvedimento – di durata pari a quattro anni -, lo ritengono, infatti, «un delinquente abituale» nonché un soggetto «altamente pericoloso».

LEGGI ANCHE: ‘Ndrangheta cosentina, l’ascesa criminale di Roberto Porcaro

Respinto, pertanto, il ricorso avanzato in precedenza contro la misura sollecitata dalla Dda, a parere dei giudici catanzaresi la caratura criminale di Roberto Porcaro non è stata scalfita. Egli è ancora oggi il boss “reggente”, l’esponente di vertice del clan degli “italiani”, federato al clan dei cosiddetti “zingari”. Il riferimento è alle vicende processuali che lo vedono attualmente coinvolto, nello specifico “Testa di Serpente”, “Crypto”, “Reset”, “Affari di famiglia” alle quali – stando a quanto filtra da ambienti giudiziari – a breve potrebbe aggiungersi un’ulteriore imputazione relativa all’omicidio Ruffolo, consumato a settembre 2011, di cui i collaboratori di giustizia lo accusano di essere il mandante.

ROBERTO PORCARO, OLTRE ALLA SORVEGLIANZA SPECIALE, È DETENUTO E RISCHIA IL 41BIS

L’ex pentito (LEGGI LA NOTIZIA IN CUI ANNUNCIA IL PASSO INDIETRO) si trova recluso nella casa circondariale di Terni in qualità di detenuto normale – anche se, sempre secondo indiscrezioni, sarebbe in odore di 41 bis -, in attesa della fissazione dell’udienza di appello del processo “Crypto”, per il quale in primo grado aveva già incassato una condanna a vent’anni, impugnata dal suo attuale difensore, l’avvocato Mario Scarpelli del Foro di Cosenza. Quest’ultimo – nominato due mesi fa per tutti i procedimenti riguardanti Porcaro – potrebbe ora impugnare il decreto che dispone la sorveglianza speciale presso la Suprema Corte di Cassazione.

LEGGI ANCHE: Il boss Porcaro scrive al giudice e spiega perché non si pente più

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

EDICOLA DIGITALE