Il sequestro dell'invaso irregolare

Tempo di lettura < 1 minuto

COSENZA – Smaltiva le acque di vegetazione prodotte da un opificio all’interno di un invaso da lui realizzato. Per tale motivo il proprietario di un impianto di Scala Coeli in provincia di Cosenza, è stato denunciato per violazione alla normativa ambientale. L’invaso, posto poi sotto sequestro, è stato scoperto dai militari della stazione carabinieri Forestale di Rossano durante un controllo effettuato in collaborazione con i militari di Scala Coeli ad un opificio in località Schette, controllo mirato alla verifica sul rispetto della pratica agronomica che i frantoi devono avere per smaltire le acque di vegetazione.

Si è invece accertato che nei terreni previsti nella pratica agronomica non erano mai state smaltite le acque di vegetazione e che queste erano state invece illecitamente smaltite in un invaso su suolo nudo, non impermeabilizzato e senza alcuna autorizzazione.

Si è pertanto posto sotto sequestro l’invaso, contenente circa 1700 metri cubi di acque di vegetazione e di lavaggio e denunciato il proprietario del frantoio per attività di gestione illecita consistente nel trasporto, stoccaggio e smaltimento i di rifiuti speciali non pericolosi di un ingente quantitativo di acque di vegetazione e di lavaggio all’interno di un invaso.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •