X

Tempo di lettura < 1 minuto

REGGIO CALABRIA – Al termine delle indagini dell’operazione “Cemetery Boss” (LEGGI) contro le cosche reggine Rosmini e Zindato, sulla gestione con metodi mafiosi dei lavori all’interno del cimitero del rione Modena, queste sono le persone destinatarie della custodia cautelare:

  1. ALAMPI Nicola, nato a Reggio Calabria il 04.12.1969, ivi residente;
  2. ANGELONE Giuseppe, nato a Reggio Calabria il 09.01.1969, ivi residente;
  3. COSTANTE Massimo, nato a Reggio Calabria il 08.03.1983, ivi residente;
  4. CRISALLI Natale, nato a Reggio Calabria il 29.08.1958, ivi residente;
  5. CRISALLI Salvatore Claudio, inteso “Peppe”, nato a Reggio Calabria il 29.03.1970, ivi residente;
  6. GIORDANO Francesco, nato a Reggio Calabria il 30.09.1965, ivi residente;
  7. PULEO Roberto, nato a Reggio Calabria il 25.01.1965, ivi residente;
  8. RICHICHI Rocco, nato a Reggio Calabria il 24.07.1980, ivi residente (detenuto per altra causa);
  9. MISSINEO Demetrio, nato a Reggio Calabria il 04.03.1979, ivi residente;
  10. MANGLAVITI Carmelo, nato a Reggio Calabria il 25.01.1954, ivi residente – dirigente comunale e responsabile del Servizio Cimiteri del Comune di Reggio Calabria

I soggetti dal numero 1 al 9 sono ritenuti responsabili di associazione mafiosa per aver fatto parte, con ruoli diversi, della cosca Rosmini e Zindato, operanti nei quartieri Modena, Ciccarello e San Giorgio Extra. A Manglaviti, invece, è contestato il delitto di concorso esterno in associazione mafiosa.

LEGGI I RUOLI DEGLI ARRESTATI NELL’ORGANIZZAZIONE

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares