X
<
>

Francesco Favino interpreta Craxi in Hammamet

Tempo di lettura < 1 minuto

Finalmente in onda stasera, 22 ottobre 2021, su Raitre in prima serata alle 21,20 il film di Gianni Amelio dedicato all’esilio o alla latitanza (secondo i punti di vista) di Bettino Craxi in Tunisia al tempo di Mani Pulite.

Il film era già stato messo in programmazione lo scorso primo ottobre allo stesso orario e sulla stessa rete, ma per motivi mai chiariti, improvvisamente la direzione di Rete ne aveva annullato la messa in onda sostituendolo, senza spiegarne i motivi con un film commedia con Claudio Bisio.

Molte le polemiche dagli ex socialisti, soprattutto da parte di Bobo Craxi, figlio di Bettino, che parlò di “imbarazzante censura”. La Rai, per fronteggiare la vicenda, aveva annunciato la programmazione del film il 26 novembre.

GUARDA IL TRAILER DI HAMMAMET

Decisione, di nuovo rivista, e finalmente stasera si potrà vedere o rivedere un film che mescola finzione e realtà, e che ha avuto l’ammirazione del pubblico per l’interpretazione di Pierfrancesco Favino che grazie ai professionisti truccatori ha una somiglianza impressionante con il leader socialista. il film, non riuscendo a trovare location adatte in Tunisia è stato girato nella vera casa di Craxi.

Basato su testimonianze reali, il film non vuole essere una cronaca fedele. La narrazione ha l’andamento di un thriller, si sviluppa su tre caratteri principali: il re caduto, la figlia che lotta per lui, e un terzo personaggio, un ragazzo misterioso, che si introduce nel loro mondo e cerca di scardinarlo dall’interno.


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA